Wednesday, June 18, 2008

Ritorno dal profondo NordEst

Sono sceso rapidamente nelle terre dei miei avi, una 3 giorni (di cui 2 di viaggio) a colpi di Spritz, nella terra del prosecco e della grappa, alloggiato regalmente qui nella città natale del Giorgione, non mi pare tanto di aver fatto un uorcsciop, ma piuttosto una gara di resistenza ed elasticità gastrica... un pasto dopo l'altro... una sequenza micidiale: aperitivo, antipasto, primo, secondo, dolce, café corretto, ammazzacafé (grappin per la precisione)... e via così da domenica sera fino a ieri mattina... che alla fine sono solo 3 pasti... ma é come a Natale, solo che ti devi alzare alle 7 della mattina e negli intervalli digestivi devi lavorare...Ieri, "giornata" libera a Venezia a fare da guida turistica farlocca a 7 francesi... e mi sono reso conto che in 30 anni di passaggi a Venezia (città natale del mi babbo), con una ratio di 1.3 era la prima volta che mi trovavo nel ruolo di quello che spiega e non di quello che ascolta... La seconda volta in cui mettevo piede in Laguna senza mia padre... E lì ti rendi conto che conosci solo una parte infima delle informazioni, conosci un luogo, ma non sai perfettamente il suo nome, sai dove si trova quel tal posto, ma non sai esattamente come arrivarci... e quest'ultimo punto a Venezia é capitale... Puoi avere tutto il senso dell'orientamento che vuoi, ma se non hai una carta e se non conosci i ponti e le calli, sei sicuro di finire in un vicolo cieco 2 volte su 3... oddio... che poi vicoli ciechi non lo sono... finisci in canale e basta... é per quello che non te lo mettono che é un cul de sac o dead end...Visto che il volo di ritorno era alle 6 (arrivo alle 8 e qualcosa), avevo già abbastanza le balle girate perché avevo paura di perdermi 3/4 della partita nel tragitto aeroporto-casa... Il tutto é cresciuto esponenzialmente con la notizia della partenza ritardata... Finalmente alle 19h30 passate si decolla da Venezia...

Ore 20h45, a Zurigo é il momento degli inni, ed io mi trovo a 10.000 metri d'altezza a bordo di un Bombardier CRJ900, e il minchione di turno annuncia che ci si appresta alla discesa, atterraggio previsto tra 15 minuti.... Si va be' buonanotte...
Ore 21h00 non siamo ancora posati a terra, e io sto smadonnando... mi accorgo di non essere il solo...
Ore 21h10 circa, sto correndo lungo il finger, e già sto chiamando in giro per sapere il risultato... 0-0, bene, loro sono in 10, bene, si é spaccato Ribery, porello... bene comunque... la priorità in questo momento é trovare una tele all'aeroporto...
Passa qualche minuto e io sono sempre lì che corro su e giù, sono riuscito a capire che c'é una sola tele in tutto l'aereoporto, adesso devo capire dove... Suona il telefono, é mia madre: "Gol di Pirlo su rigore..."Ore 21h25 trovo la tele... passerò la seguente ora e mezza in piedi a 2 metri dal bancone del bar dell'aeroporto e a 3 metri da una vecchia LG semi gracchiante le stronzate dei due pessimi commentatori francesi.... Il gruppetto d'avventori é misero e per nulla avvenente, saremo circa una decina, nel secondo tempo si fa sempre più nutrito, nel frattempo ho conquistato il bancone, sono in prima fila, al gol su punizia di De Rossi con deviazione di Henry, mi scappa un applauso contenuto, per fortuna non solo l'unico, c'é un ragazzo sui 20 anni seduto su di un trolley, che mi pare parlasse al telefono in francese poco prima, boh... stica... meglio così che se ci facciamo picchiare almeno siamo in compagnia...Poco dopo Benzema mi fa cacare sotto con uno splendido fendente, però ci pensa Buffon, e come dice il commentatore subito dopo: "9 portieri su 10 l'avrebbero mancata quella parata...", io direi 8 su 10... Pinocchione Van der Saar ce l'avrebbe fatta... D'instinto applaudo il fantastico gesto atletico... non chiedetemi se sia rivolto al giovane francese o al portiere nostrano...
Gli ultimi cinque minuti non li riesco a vedere perché ci chiudono la saracinesca sul naso... Mi dirigo verso la navetta, e chiamo a casa per avere la cronaca degli ultimi minuti, non si sa mai che questa volta si riesca ad evitare le brutte sorprese dell'ultimo minuto... Gli olandesi segnano di nuovo... é fatta, si é battuto la Francia. Sono 30 che non lo si faceva (rigori a parte).
Nel tragitto verso casa sento i miei socii, e ricevo un carosello di sms e telefonate: Orio dall'Olanda mi chiede se mi stanno linciando, Gizzo mi da consigli sulla postura da prendere quest'oggi, amici francesi riconoscono la superiorità della Squadra Azzurra. Prepariamoci che domenica c'é la Spagna... Che rispetto al solito mi pare più forte ed agguerrita, é anche vero che solitamente se ne va a casa ai quarti o giù di lì, se ce la si fa però poi ci toccano gli olandesi di nuovo... e intanto dall'altro lato del tabellone ci s'aspetta il Portogallo in finale... Salvo sorprese teutoniche domani sera...

3 comments:

Anonymous said...

"amici francesi riconoscono la superiorità della Squadra Azzurra. "

bellissimo :D
ladylike

Eazye said...

sono belle soddisfazioni... ;)

catalaragones said...

e cmq la sorpresa teutonica c'è stata: Portogallo a casa. e così pure l'incredibile Olanda che ha fatto tremare mezza Europa.
Una Russia strepitosa l'ha sommersa.
Speriamo in bene per stasera.